Dove siamo

VIA ITALIA, 47 – CAP. 09134, CAGLIARI PIRRI (CA)
Tel. 070560662
Fax. 0702042345

Lunedì - Venerdì
08:30 - 13:30 - 16:30 - 20:30

Sabato
08:30 - 13:00

RECALLER PROGRAM

L’infiammazione è una esperienza condivisa da tutti, tanto che i farmaci antinfiammatori sono in assoluto i più venduti al mondo. L’infiammazione da cibo è una realtà ormai certa e la vera novità è che oggi è possibile misurarla e definirla (verificando i valori di BAFF e di PAF). Recaller è un test innovativo, l’unico sul mercato che unisce la misurazione del livello di infiammazione all’analisi delle reattività ai Grandi Gruppi Alimentari. Un sistema integrato di diagnosi e interpretazione dei dati abbinato a una dieta personalizzata.

  • Il test: Recaller è un finger-test, si esegue tramite un piccolo auto-prelievo dal polpastrello effettuabile da chiunque. Grazie a questo prelievo riusciamo ad analizzare le le citochine infiammatorie (che misurano il livello di infiammazione da cibo) e le Immunoglobine G, (particolari anticorpi verso gli alimenti della nostra alimentazione quotidiana).
  • La diagnosi: Recaller utilizza nel processo di analisi una piastra allergologica con 36 antigeni alimentari studiati appositamente per questo programma e congrui con l’alimentazione prevalente nella popolazione di riferimento. I valori di positività e negatività che emergono dalla profilazione individuale vengono studiati e analizzati in base a una valutazione statistica della popolazione media e non appiattiti su valori standard, approccio diffuso attualmente nel mercato. La presenza di anticorpi verso il cibo è espressione di un contatto immunologico precedente, segnale di una reazione che va interpretata per guidare l’organismo a recuperare la tolleranza. Chi riceve i risultati di Recaller vedrà indicati nella lettera di segnalazione i diversi gruppi alimentari cui l’organismo ha segnalato una reattività.
  • Indicazioni nutrizionali: Partendo dall’esito finale dell’analisi vengono indicati i consigli nutrizionali che consentono da subito la rotazione degli alimenti (evitando pericolose eliminazioni) e suggeriscono il percorso alimentare che la persona dovrà seguire. La proposta è indirizzata al graduale recupero della tolleranza e non all’eliminazione di determinati alimenti.
Torna ai Servizi